Trapianto di capelli

26/03/2018

Trapianto di capelli: non solo una questione estetica


Per molte persone il problema della caduta dei capelli comporta un disagio psicologico oltre che un problema di carattere puramente estetico.
Il trapianto di capelli è il trattamento più desiderato da coloro che soffrono di stempiature, diradamenti, caduta di capelli, calvizie, alopecia androgenetica....
Impariamo a conoscere il trapianto di capelli

Il trapianto di capelli, meglio conosciuto come autotrapianto consiste in un intervento che prevede il prelevamento dei bulbi da zone in cui vi è una maggiore densità e minore caduta, come la zona nucale e temporale, e il successivo innesto nella zona interessata dalla calvizie.

Esistono due tecniche di trapianto di capelli:
  • La tecnica STRIP (FUSS) prevede l’asportazione di una porzione di cute da cui verranno prelevati i follicoli da trapiantare
  • La tecnica FUE, meno invasiva, tramite cui il trapianto di capelli avviene prelevando follicolo per follicolo tramite uno strumento apposito

Domande frequenti sul trapianto di capelli

Trapianto di capelli: quante sedute sono necessarie?


Grazie al trapianto di capelli, il numero massimo di follicoli vengono trasferiti in un’unica seduta. Nella maggiorparte dei casi però potrebbe rendersi necessario più di un intervento in rapporto al grado di calvizie iniziale e alle aspettative del cliente

Vi può essere il rigetto successivamente al trapianto di capelli?


I capelli provengono dallo stesso paziente, quindi è assolutamente da escludere qualsiasi rigetto in quanto ogni capello viene riconosciuto dall’organismo come proprio.

A che età si può fare il trapianto di capelli?


Non vi è un’indicazione di età per quanto riguarda il trapianto di capelli, viene piuttosto proposto in base all’entità del diradamento della calvizie.
Per questo motivo possono verificarsi casi in cui pazienti molto giovani sono operabili mentre per altri individui più maturi è sconsigliato.
La cosa più importante che il chirurgo deve osservare in un paziente calvo o diradato è la situazione presente e futura, così da valutare come potrà essere il paziente tra un anno così come tra un decennio, con lo scopo di eseguire un intervento impeccabile sotto il punto di vista estetico sia per il presente che per il futuro.

Cosa succede dopo il trapianto di capelli?


L’intervento di trapianto di capelli non è doloroso. I pazienti possono avvertire una sensazione di tensione nell’area donatrice, nucale o temporale, per la durata di un paio di giorni.
E’ consigliato dormire con la testa leggermente sollevata in modo da ridurre la possibilità della manifestazione di edemi.
Dopo il trapianto di capelli si formeranno delle crosticine, che possono essere nascoste dai capelli esistenti; esse cadranno nel giro di 10-20 giorni.
E’ probabile che i capelli trapiantati cadano nei primi giorni, questa caduta fisiologica non intacca in alcun modo le radici che rimangono in uno stato di latenza per 10-14 settimane, dopo le quali inizieranno a produrre nuovi capelli.

Quanto tempo dopo il trapianto di capelli è possibile eseguire un lavaggio?

Il primo shampoo può essere effettuato il terzo giorno dopo il trapianto di capelli, ed è consigliato giornalmente per 2 settimane con un detergente apposito.
Successivamente si potrà utilizzare lo shampoo desiderato.
 

Per valutare il tuo trapianto di capelli chiama Italcenter allo 031 279 815 e prenota la tua visita